UNA COLATA DI CEMENTO !

Il “Sistema Sesto San Giovanni”, approva in Consiglio Comunale (dopo che la Giunta Oldrini lo ha già approvato il 18 agosto) a suon di maggioranza, nei giorni 8 e 9 settembre 2011, il Piano urbanistico, presentato dalla attuale proprietà (Cordata Bizzi) per la riqualificazione delle ex aree Falck. Il dibattito è pura “melina” falsamente democratica, con la maggioranza “bulgara” che la coalizione vanta. Nel 2012, chiosa il Sindaco Oldrini, ci sarà l’apertura dei primi cantieri.

http://sestonotizie.it/leggi.php?artID=2037744

Un sistema consolidato da oltre 60 anni, continua a replicare le proprie logiche al di là dei veri voleri della cittadinanza. I cittadini espropriati da ogni possibilità di commento e/o di critica, si vedranno rovesciare sul loro territorio comunale, nei prossimi anni, una COLATA DI CEMENTO !

QUESTO E’ IL VERO “SISTEMA SESTO SAN GIOVANNI”, FRUTTO ORMAI CONSOLIDATO DI UN CENTROSINISTRA INCAPACE DI ESSERE DALLA PARTE DEI CITTADINI !!!!

Un pò di dati :

  • Oltre 3 milioni di metri cubi di nuova edificazione;
  • Un parco di 650 mila metri quadrati (se mai si farà, il Vulcano docet) con all’interno 10 grattacieli di oltre 25 piani;
  • Un centro commerciale di oltre 50.000 metri quadrati di slp + 40.000 di media distribuzione + 10.000 di negozi;
  • Destinazioni residenziali a go-go (case di lusso, Social Housing, case in cooperativa, ecc.) per gli oltre 20.000 abitanti che si insedieranno a Sesto a seguito di questo piano urbanistico, nei prossimi 10 anni. Nessuna abitazione in affitto o low-cost;
  • Nessun mezzo di trasporto pubblico, presente nel Piano Urbanistico (solo varie ipotesi), ma solo promesse del Sindaco di contatti con gli enti preposti a livello Provinciale e Regionale;
  • Previsione di oltre 15.000 addetti (commercio, industria, terziario, ecc.) che giornalmente  lavoreranno a Sesto congestionandola ulteriormente.

L’obbiettivo del Piano urbanistico di riqualificazione per le ex aree Falck, sembra uno solo, come si evince dalla tabella soprastante, raggiungere un limite di densità territoriale, tra i più alti al Mondo, un limite, che già oggi palesa una totale incongruenza, il rapporto tra il numero degli abitanti e la superficie territoriale del Comune di Sesto S.G.,  essendo, un territorio molto piccolo, e non espandibile, cementificato a più non posso, in una delle regioni con  il più alto tasso di inquinamento d’Europa. Per le aree Falck a Sesto San Giovanni, se si guarda dalla parte dei cittadini, ci sarebbe un’unica soluzione, farne un grande parco urbano, a memoria di quella che fu la “Città delle Fabbriche”, come si è fatto nella Ruhr in Germania a Duisburg Nord, a tutela della salute pubblica dei cittadini.    

                                                                                                                                                                                                

Con il rispetto del copyright delle immagini selezionate

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ex Aree Falck, Sesto San Giovanni, Urbanistica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a UNA COLATA DI CEMENTO !

  1. daniele ha detto:

    ■Un parco di 65 mila meri quadrati ….: le opinioni, sono opinioni e sempre da rispettare, i fatti però sono più duri delle opinioni….se vi può aiutare sul portale del comune i dati reali e non frutto delle opinioni. questa del parco dà la misura della vostra onestà intellettuale

  2. daniele ha detto:

    eheheh, prma correggi e poi posti la critica….mmmmh questi rinnovatori come la sanno lunga

    • byccibeton ha detto:

      Caro Daniele,
      la redazione del blog la eseguo io,da solo, nei ritagli di tempo. Non sono un professionista, quindi eventuali refusi, sono all’ordine del giorno (in questo caso è saltato uno zero). Capisco la tua necessità di “precisione”, ma vista la limitatezza del tempo a mia disposizione, se dovessi eseguire una stampa ed una revisione completa di quanto scritto, non mi basterebbe assolutamente il tempo che ci dedico. Quindi se te la senti di “tenermi d’occhio” e farmi notare tutte le scorrettezze o imprecisioni, te ne sarei molto grato. l’articolo “Una colata di cemento”, fino ad ora ha avuto oltre 200 visualizzazioni e mai nessuno si è degnato di evidenziare quello che hai giustamente notato tu. Grazie e spero che in futuro mi darai altri suggerimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...